Cosa è successo in questo anno dei Chatbot?

Ad un anno di distanza dal lancio dei Chatbot sulla piattaforma Messenger, sono stati condotti molti sondaggi e si posso trarre alcune importanti conclusioni sul futuro di queste nuove tecnologie e di quello delle aziende.

È passato poco più di un anno dal lancio dei Chatbot nella piattaforma di Messenger e durante questo periodo è stato possibile vedere molti avanzamenti tecnologici e nuovi campi di applicazione. Ad oggi è possibile trarre alcuni dati importanti sull’andamento di queste nuove tecnologie applicate al mercato. È possibile tirare le conclusioni su cosa ci aspetta per il futuro e dove si stanno orientando le aziende. Già nei primi 6 mesi è stato registrato un successo davvero sorprendente: circa l’80% delle aziende usa già un bot o ha intenzione di farlo entro il 2020, secondo quanto riportato da Business Insider.

initial chatbot growth

Per l’esattezza il 48% delle aziende intervistate ha affermato di utilizzare già chatbots e strumenti di automazione per le loro vendite, marketing e customer service, mentre il 40% attuerà la tecnologia automatizzata entro il 2020. Sempre secondo il noto sito internet di business, i settori di applicazioni in cui vengono più applicati i Bot nelle aziende sono tre: vendita,  marketing e servizio clienti. E ben il 42% di queste aziende crede che l’automazione sia in grado di migliorare e facilitare i servizi offerti ai propri clienti.

savings-through-chatbots-in-US-2016

Oltre ai vantaggi legati al miglioramento dell’organizzazione e all’ottimizzazione delle potenzialità aziendali, uno dei ritorni più importanti è legato all‘aspetto economico. È stato stimato che i chatbots potrebbero portare ad un risparmio stimato intorno ai 15 miliardi di dollari, corrispettivo degli gli stipendi percepiti da rappresentanti di prodotti, servizi, i titoli ecc. Ogni anno, negli Stati Uniti, 79 miliardi di dollari vengono percepiti dagli operatori del servizio clienti. Secondo le statistiche, i Chatbots potrebbero gestire il 29% del traffico di questo settore, facendo risparmiare alle aziende 23 miliardi di dollari ogni anno.

I CHATBOT NON SONO VISTI DI BUON OCCHIO SOLO DALLE AZIENDE MA ANCHE DAI CLIENTI

Sono stati condotti molti sondaggi sulla relazione tra Chatbot e utente; a distanza di anno, ciò che è emerso è un esito molto positivo e che lascia presagire grandi prospettive per il futuro. Sempre secondo Business Insider, il 44% degli utenti americani vorrebbe utilizzare i chatbot per ricevere assistenza e supporto dall’azienda. Un altro aspetto molto importante da considerare è che più della metà dei Millennials  intervistati non solo ha già utilizzato questo tipo di strumento ma ha dichiarato anche di aver acquisito una certa confidenza. Inoltre il 37% ha affermato che vorrebbe effettuare acquisti con questo sistema.

bii chatbotsusers

Altro punto a favore dei chatbot è legato ai vantaggi che possono ottenere i clienti quando usufruiscono di questo servizio. In particolare secondo il 2016 Mobile Messaging Report di Ubisend emerge che:

  1. il 51% degli utenti che un servizio dovrebbe essere attivo 24/7
  2. il 48,% vorrebbe contattare un’azienda tramite messaggi piuttosto che via email
  3. il 49,4% preferirebbe contattare un’azienda tramite messaggi piuttosto che con il telefono

In conclusione si può affermare che i chatbot sono perfettamente in grado di realizzare tutte queste aspettative e offrire anche molti più vantaggi. Dopo il successo delle piattaforme social, ora è il momento delle messagging app.

IL SETTORE AI È UN OTTIMO CAMPO D’INVESTIMENTO

Il 2016 è stato l’anno dei chatbot anche dal punto di vista degli investimenti. Infatti moltissime start up sono nate focalizzandosi su questa fetta di mercato durante l’anno passato; solo nel primo trimestre è stato registrato un numero di 140 start up attive nel campo dell’intelligenza artificiale. Queste realtà hanno mosso grandi investitori e grandi capitali per un ammontare di 1,5 miliardi di dollari. In particolare le risorse si sono concentrate sullo sviluppo di piattaforme in grado di comunicare e interagire con modalità simili a quelle umane. I campi di applicazione sono stati in particolare quello dell’assistenza al cliente e supporto al lavoro di manager e team. Anche altri settori sono stati coinvolti in questa ascesa degli assistenti virtuali; in particolare in ambito sanitario, pubblicitario finanziario e assicurativo. Nel 2011 il numero degli investimenti era circa di 70 mentre è passato a 400 nel 2015.

KQnRaRqmhSKMNrX1Gw3tsPYEfilnrhddf62r_hoEHc4

 

 

Condividi

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso. Maggiori informazioni.